Costituzione LTD Inglese

Ltd inglese per operare in Italia, i 5 falsi miti da sfatare.

Luigi Loconsole, LTD Uk Consultant

23 April 2016

Dopo aver ricevuto le domande più disparate e a volte ridicole sulla possibilità di aprirsi una ltd inglese per operare in Italia, ho deciso di scrivere questo articolo, è un articolo utile a sfatare un pò di falsi miti e luoghi comuni che sento spesso sulla bocca di amici imprenditori, investitori o semplici curiosi e che troppo spesso si interessano alle tante possibilità che questa soluzione offre, ma lo fanno per il motivo sbagliato.

1- Pagherò le TASSE in Inghilterra?

E’ del tutto legale costituire una Ltd inglese per operare in Italia, anche solamente in Italia, ma questo non significa che pagherai le tasse in Inghilterra (salvo alcune particolari condizioni e tipologie di business), produrrai reddito in Italia quindi pagherai le tasse allo stato italiano, e lo farai attraverso la necessaria costituzione di una sede secondaria della società, che avrà sede in Italia, con l’apertura di una regolare partita iva.

Per conoscere il motivo per cui pagherai comunque le tasse in Italia bisogna studiare bene la normativa italiana, e precisamente cosa prevede il Tuir (testo unico imposte sui redditi) che stabilisce tre fondamentali criteri per determinare la residenza fiscale di una società, e le circolari della Guardia di Finanza. Per approfondimenti normativi puoi sempre affidarti serenamente all’ottimo Altalex qui trovi il titolo III del Tuir 

La Società Limited resterà, però, assoggettata alle regole inglesi riguardo al suo funzionamento generale, quindi per qualsiasi operazione societaria come la variazione del capitale sociale, il trasferimento delle quote, la variazione dello statuto societario, si applicherà la normativa inglese con tutti i vantaggi annessi e connessi, cioè operazioni semplici, veloci, senza burocrazia e senza costi aggiunti come la parcella del Notaio, che in questi casi non ti servirà mai.

2- Ma io apro in Italia soltanto un ufficio di rappresentanza e con quello mi gestisco i miei affari.

Fallo se vuoi violare le leggi Italiane ed essere giustamente perseguito dalla Guardia di Finanza e l’Agenzia delle Entrate.

L’Ufficio di Rappresentanza ha una funzione completamente diversa da quella della sede secondaria, in pratica è sì una sede fissa sul suolo italiano ma con una funzione ausiliaria o preparatoria per la penetrazione dell’impresa inglese sul mercato italiano, quindi può e deve svolgere esclusivamente funzioni promozionali e pubblicitarie, di raccolta di informazioni e di ricerca di mercato, nessuna operazione commerciale o di produzione è consentita.

Solo in questo modo, costituendo la sede di rappresentanza un mero centro di costo in quanto non produttiva di alcun reddito, (e dove il responsabile è privo del potere di decidere e di assumere obbligazioni, firmare contratti  per conto della società di fronte a terzi) non subisce alcuna imposizione fiscale e  i suoi costi sono  integralmente deducibili per l’impresa madre.

Scarica l’ebook gratuito

3- Mi ha detto mio cuggino che posso acquistare un immobile attraverso una ltd inglese e non pago più l’imu!

Anche io ho un cuggino che una volta è andato a cena con Elvis Presley, un paio di anni fà mi ha detto!

Puoi certamente acquistare un immobile in Italia con una ltd inglese, in molti lo fanno, ma non per il motivo tasse, infatti l’immobile, se non sei capace di metterlo su ruote e portartelo via, rimane sul suolo italiano e, a prescindere dalla sua proprietà, che sia di un residente in Italia o di una società estera, è tenuto al pagamento delle tasse dovute, tasse di registro per l’acquisto,  Imu, ecc. ecc.

I vantaggi di acquistare immobili con una ltd inglese sono diversi, spesso lo si fà per la  riconfigurazione di asset societari, migliorare la gestione di un portafoglio di investimento, ma soprattutto per la protezione del patrimonio, per sottrarre cioè l’immobile ad eventuali pignoramenti da parte di terzi creditori. Questo ultimo aspetto è un argomento molto delicato e non va assolutamente preso con leggerezza, nel senso che è possibile sottrarre l’immobile dalle grinfie dei creditori ma solo a determinate condizioni.

Ltd&Business -Londra-

“Nel Regno Unito sono stati investiti nei soli ultimi sei mesi circa 2,4 miliardi di dollari. In Italia nel medesimo periodo la cifra rilevata è di poco superiore ai 72 milioni di dollari”

4- Il mio ragioniere ha letto da qualche parte, che mi conviene far fatturare tutto alla mia ltd inglese, e andare in perdita con la società italiana collegata.

Il tuo ragioniere lo avrà letto su qualche rivista patinata degli anni settanta e gli è tornato in mente solo adesso che il medico gli ha prescritto la pillolina blu, evidentemente gli avrà smosso qualcosa anche nella mente…

Leggiti la storiella del Cinese il Libanese e il Napoletano per capire come funzionavano queste cose anni fa, oppure leggiti la normativa anti-elusiva sul “Transfer Pricing”.

Oggi non è più possibile imbrogliare il fisco con giochetti del genere, le informazioni corrono sulla fibra ottica e prima ancora che il tuo commercialista registri la prima fattura, l’agenzia delle entrate è già fuori alla porta della tua azienda a chiederti “spiegazioni”.

5- Mi trasferisco 6 mesi all’anno nel Regno Unito e non sono più residente in Italia, così pago le tasse in Inghilterra.

Il discorso della residenza fiscale è molto complesso anche se può sembrare semplice.

I criteri su cui si basa la normativa italiana sono tre, mentre nell’affermazione qui sopra è evidenziato solo il primo dei tre e neanche completo. Ovviamente in questo caso parlo di residenza delle persone fisiche.

Non mi dilungo perchè ho scritto tempo fa un articolo sulla residenza fiscale all’estero che ti invito a leggere per approfondire, ti dico solo che se la tua famiglia resta in Italia, se continui a pagare il mutuo di casa, hai il conto corrente in Italia, il centro dei tuoi affetti è in Italia, la suocera in Italia! ( no! quest’ultima non centra niente.)

L’Agenzia delle Entrate non riconoscerà il tuo trasferimento come un cambio di residenza fiscale, e addio benefici.

Concludo raccomandandoti di approfondire sempre tutte le questioni prima di pensare ad un trasferimento, investimento, apertura di una ltd inglese per operare in Italia.

Puoi sempre chiedere a noi, farci mille domande privatamente o anche qui sul blog, una cortese risposta non la neghiamo a nessuno sempre che tu non ci chieda come fare a trasferire tua suocera e non la società, su questo ci stiamo ancora lavorando!

Per scaricare l'E-book gratuito sulle società Inglesi

Per contattarci subito o fissare un appuntamento a Londra

Soluzione Slovenia

La tua azienda in Slovenia, adesso o sarà troppo tardi

LTD Inglese

Fai business con una ltd inglese se vuoi evitare di finire vittima della giustizia italiana

Soluzione Slovenia

Come gestire i prelievi di denaro dalla società in Slovenia