La Residenza Fiscale estera è un concetto importante da comprendere per non trovarsi nei guai col fisco italiano

Riprendo quindi il tema della residenza fiscale estera riproponendo alcuni concetti già espressi in questo precedente articolo (clicca qui per leggerlo) ma aiutandomi nella spiegazione con un video, spero possiate apprezare lo sforzo…

Art. 43.
Domicilio e residenza.

Il domicilio di una persona è nel luogo in cui essa ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi.
La residenza è nel luogo in cui la persona ha la dimora abituale.

Questo è quello che prevede il codice civile, ma per considerare una persona con la residenza fiscale in Italia bisogna far riferimento al Tuir (testo unico delle imposte sui redditi) e precisamente all’art. 2 comma 2, il quale recita: Ai fini delle imposte sui redditi si considerano residenti le persone che per la maggior parte del periodo di imposta (183 giorni all’anno) sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente o hanno nel territorio dello Stato il domicilio o la residenza ai sensi del codice civile.

Quindi è necessario che:
1 – Per 183 giorni all’anno tu viva effettivamente all’estero.
2 – Devi iscriverti all’anagrafe dei residenti all’estero (AIRE).
3 – Il tuo effettivo domicilio sia all’estero, cioè il centro dei tuoi affari ed interessi.

 

Nel video è spiegato credo bene il concetto e gli elementi che vengono presi in considerazione dagli agenti del fisco intenti a provare che la vostra residenza fiscale estera sia fittizia e che voi siate tenuti a pagare le tasse allo stato italiano.

Siamo a conoscenza di molte situazioni spiacevoli capitate a nostri concittadini recatisi all’estero per lavoro, alcuni in paesi dove non è previsto un accordo contro la doppia imposizione, e costretti a pagare le tasse due volte, nel paese dove hanno prodotto il reddito, e nel loro paese di residenza l’Italia.

Buona visione e condividete con chi può servire.