Tassazione ltd inglese vs Tassazione in Italia

Tassazione ltd inglese paragonata a quella in italia, un viaggio in un film di fantascienza, a raccontarla si fa fatica a crederci.

Si avvicinava l’estate che come sempre portava con se nuovi profumi, nuovi colori, una luce nuova che trasmette sempre un po’ di ottimismo e di allegria;

il mare esercitava il suo irrinunciabile richiamo e quasi mi sembrava di poter cedere alla tentazione di mollare un po’, di passare del tempo a crogiolarmi come una lucertola al sole, anche se a dire il vero avevo perso il desiderio di occuparmi di altro che non fosse il lavoro;

avvertivo lo svago, il divertimento, come una perdita di tempo, mi sentivo in colpa anche solo a staccare dieci minuti per la pausa caffè.

Mia moglie peggio di me, sempre con i piedi per terra e sempre col timone a dritta, a volte si occupava di tante di quelle cose, che non riesco ancor oggi a capire come facesse a farle tutte benissimo, e da buon meridionale non sottovalutavo in primis il suo essere una bravissima pasticcera.( mia moglie sa fare dei dolci….ma dei dolci… “che voi umani non potreste neanche immaginare, crepes al grand marnier in fiamme al largo dei biscotti di Orione, e ho visto i profitteroles balenare nel buio vicino alle porte del Frigorifero, e tutte quelle bontà andranno perdute nel tempo, come lacrime nella pioggia!”….ehm….scusate la divagazione, mi è scappata una citazione dal mitico Blade Runner, i bei film di una volta tornano alla memoria in un modo spesso imprevedibile così come i piatti di mia moglie).

Mia moglie dicevo, mi ricordò che Agosto era alle porte, e si avvicinava il solito appuntamento estivo con le tasse, i contributi, gli adempimenti….mamma mia tre orribili parole tutte in fila, perdonami.

Così mi decisi e chiamai Francesca.

Francesca, la mia commercialista di fiducia, una ragazza molto in gamba che ha l’ingrato compito di comunicare sempre cose abbastanza sgradevoli, e anche stà volta non le fu possibile esimersi.

Il 16 agosto era ormai alle porte, quell’anno promisi a mia moglie che ci saremmo presi un po’ di ferie, perché non si può vivere di solo lavoro. I ragazzi bene o male un po’ di mare lo avrebbero fatto, grazie alla nonna che li avrebbe ospitati qualche settimana nella sua casettina a Lido del sole, in Gargano. Mi ricordo da ragazzo i giorni di ferragosto di ogni anno come un periodo di totale spensieratezza e gioia, sempre in allegria con gli amici delle vacanze a far scherzi e divertirci.

Fu così che invece, cominciai ad odiare il mese di Agosto, più di ogni altro mese dell’anno. Un commerciante, un professionista, un artigiano, sanno già il perché, non c’è bisogno di spiegare. A volte è necessario fare delle scelte difficili nella vita, a volte bisogna ingoiare un boccone amaro, ma quel “a volte“ cavolo, si era trasformato per noi imprenditori italiani in un “sempre”!!

Le tasse per un imprenditore italiano.

Questo fu il mio agosto del 2011…

Versamento ritenute IRPEF di dipendenti e collaboratori.

Versamento contributi previdenziali e assistenziali dipendenti e collaboratori.

Versamento IVA II trimestre, ero un contribuente trimestrale

Versamento II rata contributi Inps su minimale per commercianti e artigiani.

Studi di settore : versamento – con maggiorazione dello 0,4% a titolo di interesse corrispettivo – delle imposte a saldo e in acconto (prima rata) del Modello unico-IRPEF, addizionali IRPEF, IRAP, INPS Artigiani e Commercianti eccedenti minimale. (dati confermati dalla Cgia di Mestre)

Non stò a dirti che anche quell’anno niente ferie, niente mare, niente svago o divertimento, SOLO TASSE!!

L’ambientazione noir di Blade Runner, dove le corporazioni prosperano opprimendo la popolazione, la polizia è onnipresente e i megaschermi della pubblicità spuntano ad ogni angolo della strada è perfettamente riprodotta.

Ma questo non è un film! e se lo fosse sarebbe un film Horror.

Sicuramente alcuni  lettori non saranno imprenditori, o non hanno chiara la situazione italiana, qualche giorno fa chiacchieravo con il mio commercialista di Londra e cercavo di spiegargli come funziona L’IMU da noi.

Non riusciva proprio a capire, era incomprensibile per lui come possano tasse del genere non essere totalmente deducibili visto che può assolutamente considerarsi un costo per una attività imprenditoriale, It’s crazy!! I can’t trust it!

E tu imprenditore sei ancora in Italia a vivere questo incubo?

Hai deciso di affondare con la bandiera in mano assieme a tutta la nave?

Io no! Non sono un eroe, anzi non ci vedo nulla di eroico immolarsi per la patria coinvolgendo tutta la famiglia e le generazioni future.

Io voglio molto di più dalla vita, voglio godere dei frutti del mio lavoro, del lavoro di mia moglie, voglio godere dei frutti dei nostri sacrifici. Voglio vedere i miei figli crescere senza privazioni, con tutte le possibilità che potranno e sapranno cogliere, voglio potergli offrire un futuro migliore.

Il risultato delle nostre scelte, diceva Karl Popper, il nostro futuro, è molto aperto, e dipende da noi, da noi tutti.

Dipende da ciò che voi e io e molti altri uomini fanno e faranno, oggi, domani e dopodomani. E quello che noi facciamo e faremo dipende a sua volta dal nostro pensiero e dai nostri desideri, dalle nostre speranze e dai nostri timori.

Dipende da come vediamo il mondo e da come valutiamo le possibilità del futuro che sono aperte.

Io credo fermamente nel fatto che ognuno di noi sia responsabile del proprio presente e del proprio futuro, che serva coraggio per affrontare certe situazioni ma il non fare produce più disagio dell’affrontare i problemi, e gli imprenditori, li conosco, sono gente abituata a far fronte ai problemi tutti i giorni, ma certi problemi si risolvono solo con scelte radicali.

“La vita è il risultato delle scelte che fai. Se non ti piace la tua vita, è tempo di fare scelte migliori”.

La tassazione ltd inglese:

20% corporate tax fino al 2020

17% corporate tax dal 2020 in poi

Costi societari totalmente deducibili al 100%

Se vuoi parlare con noi della tua situazione e provare a sbirciare tra quali e quante opportunità potrebbero essere lì a portata di mano, o vuoi anche tu usufruire di una tassazione ltd inglese, contattaci subito.

Se hai voglia di scrivere la tua storia per  farla conoscere agli altri sentiti “libero” di farlo e inviala per email a ltdandbusiness@gmail.com, lo apprezzeremo tantissimo e se vorrai la pubblicheremo sul blog.